Shin stecche

4 esercizi contro la meningite

5 / 5 (4)

4 esercizi contro la meningite

Soffri di osteomielite e ne sei abbastanza stanco? Ecco 4 buoni esercizi che possono rafforzare i muscoli giusti e aiutarti a prevenire l'osteomielite.

Se hai domande su esercizi, opzioni di trattamento o formazione, non esitare a contattarci tramite Facebook o Il nostro canale YouTube.

 

L'osteomielite diventa spesso ricorrente senza il giusto approccio

Hai iniziato bene con il jogging, ma poi succede ... ancora. Osteomielite in ancora. Poche diagnosi creano tanta irritazione e frustrazione quanto un'osteomielite ricorrente. La membrana ossea si trova tra i due stinchi della gamba; tibia (tibia interna) e perone (tibia esterna). Il sovraccarico o il caricamento errato possono portare a una reazione infiammatoria nel tessuto, che riproduce il dolore quando si enfatizza il piede e la caviglia.

 

In questo articolo imparerai di più su, tra le altre cose:

1. Perché si ottiene l'osteomielite?
2. Quali sono le cause dell'osteomielite ricorrente?
3. Fattori di rischio per l'osteomielite
4. Esercizi e allenamento contro l'osteomielite
5. Trattamento e automisure contro l'osteomielite

 

Conosci qualcuno che soffre MOLTO di osteomielite? Sentiti libero di condividere l'articolo con loro.

Fai clic sul pulsante in basso per condividere l'articolo sui social media - se desiderato.

 

 

Ti stai chiedendo qualcosa o vuoi più di tali ricariche professionali? Seguici sulla nostra pagina Facebook «Vondt.net - Allevia il tuo dolore"o Il nostro canale Youtube (si apre in un nuovo collegamento) per aggiornamenti quotidiani sulla salute e programmi di esercizi gratuiti.

 

In questo articolo ci concentreremo sul rafforzamento della muscolatura che può alleviare e limitare il carico di impatto su quest'area - questo può essere fatto, tra le altre cose, da rafforzare i muscoli dell'anca, i muscoli glutei e le piante dei piedi. Non esitate a contattarci tramite la nostra pagina Facebook se hai commenti, input o domande.

 



 

1. Perché si ottiene l'osteomielite?

esercizi per allungamento dell'inguine - allungamento dell'inguine

L'artrosi e il dolore associato nella retina sono dovuti alla congestione del tessuto molle che si attacca alla tibia e ai muscoli vicini. Cioè, il carico supera la tua capacità - e quel tessuto danneggiato si forma invece del tessuto normale nell'area interessata. Tessuto lesionato è completamente riparato dai tessuti molli (come illustrato qui) e può essere un precursore di un altro tessuto cicatriziale.

 

panoramica dei danni ai tessuti

Questa congestione provoca gonfiore dei muscoli e pressione sulla tibia - che a sua volta porta a dolore, infiammazione e infiammazione. Il calcolo è quindi abbastanza semplice. Devi fare in modo che la tua capacità, oltre alla guarigione, superi il carico a cui esponi le membrane ossee. In questo modo, potranno ripararsi tra un allenamento e l'altro e tu potrai tornare alla gioia di correre e fare di nuovo lunghe passeggiate. Nella prossima sezione parleremo di più dei fattori di rischio, delle cause e di altri fattori di cui dovresti essere a conoscenza.

 

2. Osteomielite ricorrente = spesso malfunzionamento di muscoli e tendini

Chiedici - assolutamente gratis!

La dura verità è che sei troppo debole per sopportare la quantità di stress a cui sei esposto. Un motivo comune è che hai aumentato la quantità di allenamento troppo velocemente. Mai divertente da ascoltare, ma è così. Ciò che è abbastanza bello sentire, tuttavia, è che puoi fare qualcosa al riguardo affrontando i seguenti motivi.

 

- Strutture anatomiche che alleviano le membrane orali

Le membrane ossee dipendono da diverse altre strutture per alleviarle e smorzare i carichi d'urto. In caso di debolezza muscolare nelle strutture che assorbono gli urti, si ottiene così un sovraccarico - e il risultato è ... osteomielite. I muscoli più importanti che alleviano il midollo osseo si trovano in:

  • arco
  • anca
  • Coscia
  • Il retro
  • posto a sedere

 

Dipendi quindi direttamente dalla funzione, dalla flessibilità e dalla forza di queste strutture per poter alleviare le membrane ossee. L'aumento della forza e della capacità nei gruppi muscolari citati ha anche il grande vantaggio che possono prevenire problemi al ginocchio e altri infortuni sportivi. Si noti inoltre che menzioniamo la flessibilità, ovvero buoni risultati di movimento articolare. Uno anca rigida, caviglia o indietro non ha la stessa adattabilità o ammortizzazione di un'anca con movimento normale. Questo è un motivo comune per cui anche le persone forti sono affette da osteomielite: semplicemente non hanno abbastanza mobilità per far fronte ai carichi d'urto.

 

3. Fattori di rischio: conoscere i propri punti deboli

classe di yoga

Diciamo la verità. La maggior parte di noi conosce alcuni dei propri punti deboli e questo è esattamente il punto in cui dovresti iniziare. Se hai muscoli dell'anca o del core troppo deboli, allora sei intelligente per allenarli. O se sai che stai per commovente come il giro della parte bassa della schiena allora questo dovrebbe essere il tuo obiettivo principale.

 

Altri fattori che dovresti evitare durante il periodo di allenamento sono:
  • Non correre troppo sui pendii.
  • Non correre con scarpe consumate, poiché hanno una scarsa ammortizzazione.
  • Evita di correre troppo su asfalto e superfici simili.
  • Evita gli sport che comportano molti "start and stop".

 

Le persone con piedi piatti e archi rigidi sono più inclini alla meningite. Se soffri di piedi piatti o archi rigidi, dovresti anche concentrarti maggiormente su buone scarpe con un'ammortizzazione extra, calze a compressione per la corsa (vedi esempio qui - il link si apre in una finestra separata), così come la valutazione delle solette (la ricerca ha dimostrato che le varianti più economiche funzionano altrettanto bene di quelle costose, quindi non lasciarti ingannare). Ricorda anche di dedicare abbastanza tempo per il recupero tra una sessione e l'altra: che ne dici di una sessione di nuoto tra una corsa e l'altra? Altri usano anche calze a compressione, come quelle che abbiamo menzionato sopra, per stimolare una maggiore circolazione nelle gambe e nei piedi durante il riposo. Gli studi hanno dimostrato che calze come queste possono ridurre i liquidi non necessari e le reazioni infiammatorie (edema), oltre a favorire un recupero più rapido.

 

4. Esercizi e allenamento contro l'osteomielite

Quindi era tempo di passare attraverso i quattro esercizi che ti avevamo promesso. Ci siamo concentrati su un programma di allenamento mirato composto da quattro esercizi. Recentemente, abbiamo anche realizzato un video di formazione contro l'osteomielite composto da cinque esercizi - con il video sotto la descrizione di questi quattro esercizi.

 

1. Sollevamento laterale delle gambe (con o senza allenamento)

Sollevamento laterale delle gambe con elastico

Come abbiamo detto all'inizio, la stabilità dell'anca è fondamentale quando si tratta di ossa sane e sane nelle gambe. Questo perché i muscoli dell'anca hanno una grande parte della responsabilità quando si tratta di impattare il carico quando camminiamo e corriamo.

In altre parole, un'anca ben rinforzata può essere direttamente preventiva per l'osteoporosi e la congestione. Ecco come fare l'esercizio: Sdraiati sul lato con una mano di supporto di fronte a te e una mano appoggiata alla testa.

Quindi sollevare la parte superiore della gamba con un movimento dritto (abduzione) lontano dall'altra gamba - questo porta ad un buon allenamento dei muscoli profondi della seduta e dell'anca. Ripeti l'esercizio 10-15 ripetizioni oltre 3 set - su entrambi i lati.

 



 

2. Sollevamento della punta / sollevamento della punta

Il sollevamento delle dita dei piedi è un esercizio incredibilmente importante per chi ama correre o fare jogging - uno degli esercizi più importanti quando si tratta di prevenzione dell'osteomielite / irritazione - o tu che ami camminare sulle gambe senza disturbi.

Quindi è davvero uno dei migliori esercizi che puoi fare se vuoi prevenire problemi a piedi, caviglie, gambe e ginocchia. Inizia con questo già oggi.

sollevamento della punta - sollevamento della punta

Posizione A: Inizia con i piedi in posizione neutra.

Posizione B: Solleva lentamente le dita dei piedi, mentre spingi verso il basso verso la punta del piede.

- Esegui 10 ripetizioni al di sopra 3 set, ovvero 3 x 10.

 

3. "Monster walk" con elastico

Uno dei nostri esercizi preferiti, poiché non funziona solo per le gambe, ma è anche un esercizio efficace per ginocchia, fianchi e bacino. Dopo poco tempo con questo esercizio sentirai che brucia in profondità nei muscoli del sedile, ma in senso positivo.

Trova una fascia di allenamento (preferibilmente adattata per questo tipo di esercizio - che può essere legato attorno ad entrambe le caviglie come in un grande cerchio.

 

Quindi stare con i piedi alla larghezza delle spalle in modo che ci sia una buona resistenza dalla cinghia alle caviglie. Poi vai, mentre lavori per tenere le gambe larghe, un po 'come Frankenstein o una mummia - da qui il nome. L'esercizio viene eseguito in 30-60 secondi al di sopra 2-3 set.

 



 

4. "Crunch delle dita dei piedi con asciugamano"

Un ottimo esercizio che rinforza efficacemente la pala e il muscolo del piede. Come accennato in precedenza, il muscolo del piede è la tua prima difesa quando si tratta di una corretta corsa e ammortizzazione. Più forti sono i muscoli che hai nei piedi, meno possibilità di lesioni e sovraccarico.

Punta scricchiolante con asciugamano

  • Siediti su una sedia e posiziona un piccolo asciugamano sul pavimento di fronte a te
  • Posiziona il pallone da calcio anteriore appena sopra l'inizio dell'asciugamano più vicino a te
  • Allunga le dita dei piedi e afferra l'asciugamano con le dita dei piedi mentre lo tiri verso di te - in modo che si pieghi sotto il piede
  • Tenere l'asciugamano per 1 secondo prima di rilasciarlo
  • Rilascia e ripeti - fino a raggiungere l'altro lato dell'asciugamano
  • In alternativa puoi farlo 10 ripetizioni su 3 set - preferibilmente ogni giorno per il miglior effetto.

 

VIDEO: 5 esercizi contro la meningite

VIDEO: 10 esercizi di forza contro i fianchi dolorosi

Dopotutto, abbiamo sottolineato l'importanza di un'anca funzionale e forte, quindi ecco dieci esercizi per l'anca per te che sai che questa è una delle tue debolezze. Questi possono essere fatti fino a quattro volte a settimana e sono adatti a tutti. Ma ricorda che è la continuità nel tempo che è fondamentale quando si parla di allenamento.

Unisciti alla nostra famiglia! Sentiti libero di iscriverti gratuitamente al canale per ulteriori programmi di esercizi e aggiornamenti informativi sulla salute.

 

Trattamento e automisure contro l'osteomielite

  • Trattamento dei muscoli delle gambe strette e dei piedi doloranti
  • Trattamento con onde di pressione contro il periostio
  • Buone misure di autovalutazione includono calze a compressione e palline da massaggio

Nel trattamento dell'osteomielite, il clinico esaminerà la funzione della gamba, del piede e della caviglia. Molto spesso, l'esame funzionale rivelerà una chiara tensione muscolare nelle gambe e nei piedi. Entrambi questi fattori possono contribuire direttamente all'osteomielite, poiché influenzano l'assorbimento degli urti del piede e della caviglia. Inoltre, i muscoli del polpaccio tesi e tesi possono avere un impatto diretto sulla mobilità della caviglia. Anche una caviglia rigida non è un vantaggio quando si tratta di corsa e capacità di carico. Anche i fianchi e la schiena svolgono un ruolo chiave nella corsa, quindi anche questi sono importanti da esaminare. Affrontando questi fattori con l'agopuntura sportiva, il lavoro muscolare, la mobilizzazione articolare della caviglia e dell'anca o la terapia con onde pressorie, è possibile ripristinare la normale funzione.

 

Qualsiasi regime di trattamento varierà sempre in base al singolo paziente, ma per l'osteomielite vengono spesso utilizzate sia l'agopuntura che la terapia con onde di pressione. Questi metodi di trattamento vengono generalmente eseguiti da un fisioterapista o da un moderno chiropratico. Studi di ricerca, anche pubblicati sulla rivista medica L'American Journal of Sports Medicine, ha dimostrato che la terapia con onde di pressione ha un effetto ben documentato contro l'osteomielite (1). Tutti i nostri reparti clinici appartenenti a Vondtklinikkene possiede apparecchiature per onde di pressione all'avanguardia, nonché esperienza nell'agopuntura sportiva.

 

Auto-azione: cosa posso fare da solo contro l'osteomielite?

Conoscere e avere buone misure di sé è sempre un vantaggio. Quando raccomandiamo automisure, ci preoccupiamo particolarmente delle misure che possono essere utilizzate regolarmente e che aiutano ad affrontare la causa del problema. Pertanto, le nostre tre raccomandazioni qui includono misure sia preventive che terapeutiche.

 

Raccomandazione n. 1: Calze a compressione per gambe e piedi

Il passo più semplice e meno impegnativo verso una migliore salute di piedi e gambe. Indossare calze a compressione durante la corsa, ma anche a riposo, può fornire una serie di vantaggi. Sappiamo, tra le altre cose, che fornisce una maggiore circolazione sanguigna e un recupero più rapido. Uno dei vantaggi della corsa è che può aiutare a prevenire l'accumulo di acido lattico nei muscoli. Calze a compressione (il link si apre in una nuova finestra) è quindi qualcosa che consigliamo quasi sempre ai pazienti con problemi alle gambe, inclusa l'osteomielite.

 

Raccomandazione n. 2: Sfere trigger point

Le palline da massaggio possono essere utilizzate per stimolare la circolazione nei muscoli del polpaccio stanchi. Sono anche assolutamente perfetti per l'uso sulla parte inferiore delle piante dei piedi - e possono aiutare a dare una fascia plantare meno tesa (piastra tendinea sotto il piede). Et set completo con sfere di massaggio di diverse dimensioni (vedi esempio qui - il link si apre in una nuova finestra) possono rendere più facile l'uso su una porzione maggiore dei muscoli del corpo. Usali a giorni alterni contro gambe e piedi, possibilmente anche sull'anca e sul sedile. In questo modo, i muscoli hanno il tempo di recuperare tra una sessione e l'altra.

 

Raccomandazione n. 3: Allenamento con Miniband

I mini strap sono un ottimo elastico da allenamento per te che vuoi allenare fianchi, schiena e bacino in modo sicuro. L'allenamento con l'elastico può aiutarti a isolare i muscoli in modo efficace e delicato. Come puoi vedere, li usiamo anche in due degli esercizi consigliati nel nostro programma di allenamento. Questo può contribuire a ottenere risultati migliori nel tuo allenamento. Consigliamo volentieri i mini nastri verdi (medi) a coloro che non si sono allenati molto prima con l'elastico. Quindi puoi piuttosto passare al blu (medio-duro) alla fine. Stampa suo per vedere esempi e leggere di più sulle minibande (il link si apre in una nuova finestra).

 

Conosci qualcuno che soffre di osteomielite? Sentiti libero di condividere l'articolo con loro.

Fai clic sul pulsante in basso per condividere l'articolo sui social media - se desiderato.

 

 

Vuoi una consulenza o hai domande?

Non esitate a contattarci al Youtube. o Facebook se avete domande o simili sull'osteomielite. Puoi anche vedere una panoramica di le nostre cliniche tramite il link qui se vuoi prenotare una consulenza Alcuni dei nostri reparti per le cliniche del dolore includono Centro di chiropratico sano Eidsvoll e fisioterapia (Viken) e Centro chiropratico e fisioterapia Lambertseter (Oslo). Con noi, la competenza professionale e il paziente sono sempre più importanti.

 

PAGINA SUCCESSIVA: - Cosa dovresti sapere sull'osteoartrosi dei fianchi

artrosi dell'anca

Fai clic sull'immagine o sul link sopra per passare alla pagina successiva.

 

Sentiti libero di seguirci sui social media

Logo Youtube piccolo- Segui Vondt.net su YOUTUBE

(Segui e commenta se vuoi che realizziamo un video con esercizi o elaborazioni specifici per esattamente i TUOI problemi)

logo facebook piccolo- Segui Vondt.net su FACEBOOK

(Cerchiamo di rispondere a tutti i messaggi e le domande entro 24 ore. Possiamo anche aiutarti a dirti quali esercizi sono giusti per il tuo problema, aiutarti a trovare terapisti raccomandati, interpretare le risposte alla risonanza magnetica e problemi simili.

 

Fonti e ricerche:

1. Rompe et al, 2010. Terapia con onde d'urto extracorporee a bassa energia come trattamento per la sindrome da stress tibiale mediale. Sono J Sports Med. Gennaio 2010;38 (1): 125-32.

Foto: Wikimedia Commons 2.0, Creative Commons, Freestockphotos e contributi dei lettori inviati.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Lascia una valutazione a stelle

0 risposte

Lascia un commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Legg igjen en kommentar

Din e-Postadresse vil ikke bli publisert.