Mal di mare: una guida all'influenza barometrica (basata sull'evidenza)

4.8/5 (6)

Mal di mare: una guida all'influenza barometrica (basata sull'evidenza)

La malattia meteorologica si riferisce al fatto che molte persone reagiscono ai cambiamenti del tempo. In particolare, rapidi cambiamenti della pressione barometrica sono stati collegati ad un aumento dei disturbi. In particolare, i pazienti con reumatismi, fibromialgici e persone con emicrania sembrano essere particolarmente vulnerabili.

Esiste una buona documentazione in una serie di buoni studi che il mal di mare è un fenomeno fisiologico molto reale. Tra le altre cose, la ricerca ha dimostrato che i pazienti con osteoartrosi del ginocchio accusano un peggioramento del dolore e dei sintomi quando cambia la pressione barometrica, e in particolare la bassa pressione.¹

"Questo articolo è basato sull'evidenza ed è scritto da personale sanitario autorizzato presso Cliniche del dolore Sanità interdisciplinare, il che significa che contiene un numero maggiore di riferimenti a studi di ricerca rilevanti."

Cambiamenti meteorologici: un noto momento di ansia per diversi gruppi di pazienti

Persone con osteoartrosi (osteoartrite), reumatismi (oltre 200 diagnosi), sindromi dolorose croniche (compresa la fibromialgia) ed emicrania, sono alcune delle condizioni che sembrano avere la maggiore influenza dei cambiamenti meteorologici e barometrici. Alcuni dei fattori che influenzano più importanti il ​​mal di mare sono:

  • Variazioni della pressione barometrica (ad esempio la transizione alla bassa pressione)
  • Cambiamenti di temperatura (soprattutto con cambiamenti rapidi)
  • Quantità di precipitazioni
  • Luftfuktghet
  • Poco sole
  • Forza del vento

È in particolare ciò che comunemente chiamiamo la transizione al “tempo da detriti” che sembra avere il maggiore impatto sui sintomi e sul dolore. Uno studio pubblicato sulla rivista medica Internal Medicine ha concluso quanto segue riguardo all’emicrania e ai cambiamenti climatici:

"Il cambiamento della pressione barometrica può essere uno dei fattori esacerbanti dell'emicrania."² (Kimoto et al.)

Questo studio di ricerca ha misurato cambiamenti specifici nella pressione atmosferica in risposta ad attacchi di emicrania in un gruppo specifico di pazienti. La barometria è definita nel dizionario dell'Accademia norvegese come la misurazione della pressione atmosferica. La pressione dell'aria viene misurata nell'unità ettopascal (hPa). Lo studio ha riscontrato un effetto significativo sugli attacchi di emicrania quando la pressione atmosferica diminuisce:

"La frequenza dell'emicrania aumentava quando la differenza della pressione barometrica dal giorno in cui si è verificato il mal di testa al giorno successivo era inferiore di oltre 5 hPa"

Gli attacchi di emicrania si sono quindi verificati più frequentemente quando si è verificata una pressione atmosferica più bassa, con una variazione di oltre 5 ettopascal (hPa), da un giorno all'altro. Un esempio concreto e ben documentato dell’impatto fisiologico dei cambiamenti climatici.

Sintomi del mal di mare

Con il mal di mare, molte persone avvertono un peggioramento del dolore muscolare e della rigidità delle articolazioni. Ma si verificano anche altri sintomi non fisici. I sintomi comuni possono includere:

  • Stanchezza e spossatezza
  • Gonfiore alle articolazioni
  • Nebbia del cervello
  • mal di testa
  • Rigidità articolare
  • Sensibilità al suono
  • sensibilità alla luce
  • Dolore muscolare
  • vertigini
  • Cambiamenti di pressione nell'orecchio
  • malessere

Si può vedere che l'aumento dei sintomi e dei disturbi è peggiore in alcuni gruppi di pazienti rispetto ad altri. È importante ricordare che ci sono molti fattori nei cambiamenti climatici che spesso giocano un ruolo in tali sintomi. Come accennato in precedenza, i pazienti con reumatismi e artrosi sperimentano maggiore rigidità, accumulo di liquidi e dolore alle articolazioni. Per questo gruppo di pazienti, può essere raccomandato l'uso del rumore di compressione per stimolare una maggiore circolazione e il drenaggio dei liquidi. Tra l'altro può supporti compressivi per le ginocchia og guanti di compressione essere particolarmente utile. Tutti i consigli sui prodotti si aprono in una nuova finestra del browser.

La nostra raccomandazione: Guanti a compressione

Guanti a compressione utilizzato da molti con varie diagnosi reumatiche, ma anche da persone con osteoartrite o altre condizioni. Tra l'altro possono essere utili anche per le persone affette da sindrome del tunnel carpale e tenosinovite di DeQuervain. La funzione principale dei guanti a compressione è quella di aumentare la circolazione nelle articolazioni rigide e nei muscoli doloranti delle mani e delle dita. Puoi leggere di più sulla nostra raccomandazione suo.

Gruppi di pazienti più colpiti dal malessere climatico

Come accennato in precedenza, ci sono alcune diagnosi e gruppi di pazienti che sono più colpiti dai cambiamenti meteorologici e dai cambiamenti barometrici rispetto ad altri. Ciò include persone con:

  • Artrosi (osteoartrite)
  • Mal di testa (diversi tipi)
  • Dolore cronico (compresa la fibromialgia)
  • artrite
  • emicrania
  • Reumatismi (sono interessate diverse diagnosi reumatiche)

Ma anche altre diagnosi ne sono influenzate. Tra le altre cose, le persone con malattie respiratorie, come asma e BPCO, possono manifestare un peggioramento dei sintomi. Un po’ più sorprendente è forse anche per molti il ​​fatto che i pazienti con epilessia abbiano convulsioni più frequenti a causa delle variazioni della pressione barometrica (cambiamenti particolarmente rapidi sopra i 5.5 hPa). Tra le altre cose, ha concluso uno studio pubblicato sulla rivista medica Epilepsia con quanto segue:

"Sorprendentemente, nei pazienti con epilessia nota, si è verificato un aumento della frequenza delle crisi con variazioni della pressione barometrica, in particolare nell'intervallo di 5.5 mBar al giorno."³ (Doherty et al)

Pertanto, è stato osservato un chiaro aumento del numero di crisi epilettiche quando la variazione di pressione era superiore a 5.5 hPa da un giorno all’altro (hPa e mBar vengono misurati allo stesso modo). Anche questa è una ricerca molto interessante, concreta e importante che sottolinea che importanti cambiamenti fisiologici si verificano nel corpo quando siamo esposti a questi cambiamenti climatici.

Studio norvegese: i cambiamenti barometrici influenzano i livelli di dolore nei pazienti con fibromialgia

Un importante studio norvegese sottoposto a peer review, pubblicato sulla rinomata rivista PLoS, voleva scoprire come, tra le altre cose, l'umidità, la temperatura e la pressione barometrica influenzano le persone affette da fibromialgia.4 Lo studio è stato chiamato «È tutta colpa del tempo?» L'associazione tra dolore nella fibromialgia, umidità relativa, temperatura e pressione barometrica' e il ricercatore principale dietro lo studio è stato Asbjørn Fagerlund. È uno studio forte con riferimenti e una revisione di 30 studi rilevanti.

- L'umidità più elevata e la bassa pressione hanno avuto l'impatto più forte

I ricercatori norvegesi hanno subito scoperto che l’impatto era significativo. E hanno scritto quanto segue su questi risultati:

"I risultati hanno mostrato che un BMP inferiore e un aumento dell'umidità erano significativamente associati all'aumento dell'intensità del dolore e alla spiacevolezza del dolore, ma solo il BMP era associato ai livelli di stress."

BMP è l'abbreviazione dell'inglese pressione barometrica, cioè la pressione barometrica tradotta in norvegese. Hanno così riscontrato un chiaro aumento dell’intensità del dolore e del disagio doloroso legato alla bassa pressione e all’umidità più elevata. I livelli di stress nel corpo non sono stati influenzati dall'umidità più elevata, ma si è visto che sono peggiorati anche dalla bassa pressione. Il che è molto interessante, perché sappiamo che l’aumento del livello di stress nel corpo è collegato, tra le altre cose, all’aumento delle reazioni infiammatorie e all’aggravamento del dolore. Se lo trovi interessante, potresti anche essere interessato a leggere l’articolo fibromialgia e bassa pressione sanguigna scritto dal nostro dipartimento clinico presso Lambertseter a Oslo. Il collegamento a quell'articolo si apre in una nuova finestra del browser.

Riepilogo: mal di mare e influenza barometrica (basato sull'evidenza)

Esistono studi validi e validi che mostrano una chiara connessione tra l’influenza barometrica sul dolore e i sintomi. Quindi sì, si può tranquillamente parlare del mal di mare come di un fenomeno basato sull’evidenza e con forti radici nella ricerca. Dichiarazioni come "sentilo nella gotta", un'espressione di cui molti potrebbero aver deriso in passato, acquista un po' più di peso quando è possibile sostenerla con studi di ricerca.

"Hai avuto il mal di mare? Se è così, ci piacerebbe sentire la tua opinione nella sezione commenti in fondo a questo articolo. Tutti gli input sono molto apprezzati. Grazie!"

Ricerca e fonti: Værsyken - una guida basata sull'evidenza sull'influenza barometrica

  1. McAlindon et al, 2007. I cambiamenti nella pressione barometrica e nella temperatura ambiente influenzano il dolore dell'osteoartrosi. Sono J Med. 2007 maggio;120(5):429-34.
  2. Kimoto et al, 2011. Influenza della pressione barometrica in pazienti con emicrania. Stagista con . 2011;50(18):1923-8
  3. Doherty et al, 2007. Pressione atmosferica e frequenza delle crisi nell'unità di epilessia: osservazioni preliminari. Epilessia. Settembre 2007;48(9):1764-1767.
  4. Fagerlund et al, 2019. Tutta colpa del tempo? L'associazione tra dolore nella fibromialgia, umidità relativa, temperatura e pressione barometrica. PLoS Uno. 2019; 14(5): e0216902.

Le cliniche del dolore: la vostra scelta per il trattamento moderno

I nostri medici e i nostri reparti clinici mirano sempre a essere tra gli esperti nella ricerca, nel trattamento e nella riabilitazione del dolore e delle lesioni a muscoli, tendini, nervi e articolazioni. Premendo il pulsante qui sotto, puoi vedere una panoramica delle nostre cliniche - anche a Oslo (incl Lamberteter) e Akershus (Legno grezzo og Suono Eidsvoll). Sentiti libero di contattarci se hai domande o ti chiedi qualcosa. Rispondiamo a tutte le domande.

 

Articolo: Mal di mare – una guida all’influenza barometrica (basata sull’evidenza)

Scritto da: I nostri chiropratici e fisioterapisti autorizzati pubblicamente presso Vondtklinikkene

Controllo dei fatti: I nostri articoli si basano sempre su fonti serie, studi di ricerca e riviste di ricerca, come PubMed e Cochrane Library. Vi preghiamo di contattarci se riscontrate errori o avete commenti.

Foto e crediti

Immagine di copertina (donna sotto la nuvola piovosa): iStockphoto (uso concesso in licenza). ID foto d'archivio: 1167514169 Credito: Prostock-Studio

Immagine 2 (ombrello su cui piove): iStockphoto (uso concesso in licenza). ID foto d'archivio: 1257951336 Credito: Julia_Sudnitskaya

Logo Youtube piccolo- Sentitevi liberi di seguire la Vondtklinikkenne Vervrfaglig Helse YOUTUBE

logo facebook piccolo- Sentiti libero di seguire il Vondtklinikkene Verrrfaglig Helse su FACEBOOK

Ti è piaciuto il nostro articolo? Lascia una valutazione a stelle