Fibromialgia e sensibilizzazione centrale

5/5 (4)

Fibromialgia e sensibilizzazione centrale: il meccanismo dietro il dolore

La sensibilizzazione centrale è considerata uno dei principali meccanismi alla base del dolore fibromialgico.

Ma cos'è la sensibilizzazione centrale? Bene, qui aiuta a scomporre un po' le parole. Centrale si riferisce al sistema nervoso centrale, cioè il cervello ei nervi del midollo spinale. È questa parte del sistema nervoso che interpreta e risponde agli stimoli provenienti da altre parti del corpo. La sensibilizzazione è un cambiamento graduale nel modo in cui il corpo risponde a determinati stimoli o sostanze. A volte è anche chiamato sindrome da sensibilità al dolore.

 

- La fibromialgia è collegata a un sistema nervoso centrale iperattivo

La fibromialgia è una sindrome dolorosa cronica che può essere definita sia neurologica che reumatologica. Tra le altre cose, gli studi hanno dimostrato che la diagnosi provoca un dolore esteso in combinazione con una serie di altri sintomi (1). Nello studio a cui ci colleghiamo qui, è definita come una sindrome da sensibilità centrale. In altre parole, ritengono che la fibromialgia sia una sindrome dolorosa in cui l'iperattività del sistema nervoso centrale porta a errori nei meccanismi di interpretazione del dolore (che sono quindi aumentati).

 

Cos'è il sistema nervoso centrale?

Il sistema nervoso centrale è la parte del sistema nervoso che si riferisce al cervello e al midollo spinale. In contrasto con il sistema nervoso periferico che coinvolge i nervi al di fuori di queste aree, come rami più lontani nelle braccia e nelle gambe. Il sistema nervoso centrale è il sistema di controllo del corpo per la ricezione e l'invio di informazioni. Il cervello controlla la maggior parte delle funzioni del corpo, come il movimento, i pensieri, la funzione del linguaggio, la coscienza e il pensiero. Oltre a questo, ha il controllo su vista, udito, sensibilità, gusto e odori. Il fatto è che si può considerare il midollo spinale come una sorta di 'estensione' del cervello. Il fatto che la fibromialgia sia collegata a un'eccessiva sensibilizzazione può quindi causare un'ampia varietà di sintomi e dolore, inclusi effetti sull'intestino e sulla digestione.

 

Diamo un'occhiata più da vicino alla sensibilizzazione centrale

La sensibilizzazione comporta un cambiamento graduale nel modo in cui il tuo corpo risponde a uno stimolo. Un esempio buono e semplice può essere un'allergia. Con le allergie, è la reazione eccessiva del sistema immunitario che è alla base dei sintomi che si verificano. Nella fibromialgia e in altre sindromi dolorose, si ritiene che il sistema nervoso centrale sia diventato iperattivo e che questa sia la base per episodi di ipersensibilità muscolare e allodinia.

 

La sensibilizzazione centrale nella fibromialgia significa che il corpo e il cervello segnalano in modo eccessivo i segnali di dolore. Questo può anche aiutare a spiegare perché e come la sindrome del dolore provoca dolore muscolare diffuso.

 

- Presso i nostri dipartimenti interdisciplinari presso Vondtklinikkene a Oslo (Lamberteter) e Viken (Suono Eidsvoll og Legno grezzo) i nostri medici hanno una competenza professionale unica nella valutazione, nel trattamento e nella formazione riabilitativa per le sindromi dolorose croniche. Fare clic sui collegamenti o suo per saperne di più sui nostri reparti.

 

Allodinia e iperalgesia: quando il tatto è doloroso

I recettori nervosi nella pelle inviano segnali al sistema nervoso centrale quando vengono toccati. Quando viene toccato leggermente, il cervello dovrebbe interpretarlo come stimoli non dolorosi, ma non è sempre così. Nelle cosiddette riacutizzazioni, cioè brutti periodi per i pazienti con fibromialgia, anche questi leggeri tocchi possono essere dolorosi. Questo si chiama allodinia ed è dovuto - avete indovinato - alla sensibilizzazione centrale.

 

Allodinia significa quindi che i segnali nervosi sono interpretati erroneamente e riportati in eccesso al sistema nervoso centrale. Il risultato può essere che il tocco leggero viene segnalato come doloroso, anche se non lo è. Tali episodi si verificano più frequentemente durante i periodi difficili con molto stress e altre tensioni (riacutizzazioni). Allodinia è la versione più potente di iperalgesia - quale di questi ultimi significa che i segnali di dolore sono amplificati in varia misura.

 

- La fibromialgia è collegata a riacutizzazioni e remissioni episodiche

Qui è molto importante sottolineare che tali episodi possono variare da persona a persona. La fibromialgia spesso attraversa periodi di tempo con sintomi e dolore più intensi, chiamati riacutizzazioni. Ma, fortunatamente, ci sono anche periodi di dolore e sintomi minori (periodi di remissione). Tali cambiamenti episodici spiegano anche perché il tocco leggero può essere doloroso in determinati momenti.

 

Fortunatamente, c'è un aiuto disponibile per controllare il dolore in un modo migliore. In una sindrome da dolore cronico, c'è ovviamente dolore, sotto forma di dolore muscolare e spesso rigidità articolare. Cerca aiuto per la valutazione, il trattamento e la riabilitazione dei muscoli doloranti e delle articolazioni rigide. Un medico sarà anche in grado di aiutarti a identificare quali esercizi di riabilitazione e automisure sono i migliori per te. Sia la terapia muscolare che la mobilizzazione articolare adattata possono aiutare a ridurre la tensione e il dolore.

 

Qual è la causa della sensibilizzazione centrale nei pazienti con fibrosi?

Nessuno mette in dubbio che la fibromialgia sia una sindrome dolorosa complessa ed estesa. La sensibilizzazione centrale è dovuta a cambiamenti fisici nel sistema nervoso. Ad esempio, quel tocco e il dolore sono interpretati in modo diverso / errori nel cervello. Tuttavia, i ricercatori non sono del tutto sicuri di come si verificano questi cambiamenti. Si è visto, tuttavia, che nella maggior parte dei casi i cambiamenti sembrano essere legati a un evento specifico, trauma, decorso della malattia, infezione o tensione mentale.

 

Gli studi hanno dimostrato che fino al 5-10% delle persone colpite da ictus può sperimentare una sensibilizzazione centrale in parti del corpo dopo il trauma (2). Un'incidenza significativamente più alta è stata osservata anche tra le persone dopo le lesioni del midollo spinale e in quelle con sclerosi multipla (SM). Ma è anche noto che la sensibilizzazione centrale si verifica in persone senza tali lesioni o traumi - e qui si ipotizza, tra le altre cose, se possano essere in gioco determinati fattori genetici ed epigenetici. La ricerca ha anche dimostrato che la scarsa qualità del sonno e la mancanza di sonno - due fattori che spesso colpiscono i pazienti con fibromialgia - sono legati alla sensibilizzazione.

 

Condizioni e diagnosi legate alla sensibilizzazione centrale

mal di stomaco

Poiché ci sono sempre più ricerche nel campo, è stata vista una possibile connessione con diverse diagnosi. Tra le altre cose, si ritiene che la sensibilizzazione spieghi il dolore associato a una serie di diagnosi muscolo-scheletriche croniche. Tra le altre cose, questo include i meccanismi visti, ad esempio, da:

  • fibromialgia
  • Sindrome dell'intestino irritabile (IBS)
  • Sindrome da stanchezza cronica (CFS)
  • Emicrania e cefalea cronica
  • Tensione cronica della mascella
  • Lombalgia cronica
  • Dolore al collo cronico
  • Sindrome pelvica
  • Distorsione al collo
  • Dolore post trauma
  • Dolore alla cicatrice (ad esempio dopo l'intervento chirurgico)
  • Artrite reumatica
  • artrite
  • Endometriosi

 

Come vediamo dall'elenco sopra, ulteriori ricerche su questo argomento sono incredibilmente importanti. Forse si può utilizzare gradualmente la maggiore comprensione per sviluppare metodi di valutazione e trattamento nuovi e moderni? Almeno lo speriamo, ma nel frattempo si applica principalmente l'attenzione alle misure preventive e di riduzione dei sintomi.

 

Trattamenti e automisure per la sensibilizzazione al dolore

(Immagine: trattamento della tensione muscolare e della rigidità articolare tra le scapole)

I periodi cattivi e più sintomatici tra i pazienti con fibromialgia sono chiamati riacutizzazioni. Queste sono spesso la causa di ciò che chiamiamo trigger - cioè cause scatenanti. Nell'articolo collegato a suo stiamo parlando di sette trigger comuni (il collegamento si apre in una nuova finestra di lettura in modo da poter terminare la lettura dell'articolo qui). Sappiamo che sono soprattutto le reazioni allo stress (fisico, mentale e chimico) che possono portare a periodi così brutti. È anche noto che le misure di riduzione dello stress possono avere un effetto preventivo, ma anche lenitivo.

 

- Il trattamento fisico ha un effetto documentato

I metodi di trattamento che possono aiutare includono tecniche di terapia fisica come lavoro muscolare, mobilizzazione articolare personalizzata, terapia laser, trazione e agopuntura intramuscolare. Lo scopo del trattamento è desensibilizzare i segnali del dolore, ridurre la tensione muscolare, stimolare una migliore circolazione e migliorare la mobilità. Terapia laser speciale - che viene eseguita in tutti i reparti Le cliniche del dolore - ha mostrato risultati estremamente buoni per i pazienti con fibromialgia. Il trattamento viene solitamente eseguito da un moderno chiropratico e/o fisioterapista.

 

Uno studio di revisione sistematica composto da 9 studi e 325 pazienti affetti da fibromialgia ha concluso che la terapia laser era un trattamento sicuro ed efficace per la fibromialgia (3). Tra l'altro si è visto, rispetto a chi faceva solo esercizi, che in combinazione con la terapia laser si osservava una significativa riduzione del dolore, riduzione dei trigger point e minore affaticamento. Nella gerarchia della ricerca, uno studio d'insieme così sistematico è la forma di ricerca più forte, il che sottolinea l'importanza di questi risultati. Secondo il regolamento sulla radioprotezione, solo un medico, un fisioterapista e un chiropratico possono utilizzare questo tipo di laser (classe 3B).

 

- Altre buone auto-misure

Oltre alla terapia fisica, è importante trovare buone misure personali che funzionino per rilassarti. Qui ci sono preferenze e risultati individuali, quindi devi cercare di trovare le misure giuste per te stesso. Ecco un elenco di misure che consigliamo di provare:

1. Tempo libero giornaliero attivo tappetino per agopressione (tappetino per punti di massaggio con cuscino cervicale di accompagnamento) o uso di palle trigger point (leggi di più su di loro tramite il link qui - si apre in una nuova finestra)

(Foto: Tappetino per agopressione con cuscino per il collo)

Riguardo a questo suggerimento, abbiamo ricevuto diverse domande da parte delle parti interessate in merito a quanto tempo dovrebbero rimanere sul tappetino per agopressione. Questo è soggettivo, ma con il tappetino a cui ci siamo collegati sopra, di solito consigliamo da 15 a 40 minuti. Sentiti libero di combinarlo con l'allenamento nella respirazione profonda e la consapevolezza della giusta tecnica di respirazione.

2. Allenarsi in una piscina di acqua calda

Contatta il tuo team di reumatologia locale per chiedere se ci sono corsi di gruppo regolari vicino a te.

3. Esercizi di yoga e movimento (vedi video sotto)

Nel video qui sotto mostra chiropratico Alexander Andorff ved Centro chiropratico e fisioterapia Lambertseter sviluppato esercizi di movimento personalizzati per i reumatologi. Ricorda di adattare gli esercizi alla tua storia medica e alla tua forma quotidiana. Il nostro canale Youtube ha anche programmi di allenamento significativamente più gentili di questo se lo trovi troppo difficile.

4. Fai una passeggiata quotidiana
Dedica del tempo agli hobby con cui ti rilassi
Traccia le influenze negative e cerca di eliminarle

 

Esercizi che possono aiutare con desensibilizzazione e rilassamento

Nel video qui sotto puoi vedere un programma di movimento il cui scopo principale è quello di stimolare il movimento articolare e di fornire rilassamento muscolare. Il programma è redatto da chiropratico Alexander Andorff (sentiti libero di seguire la sua pagina Facebook) di Centro chiropratico e fisioterapia Lambertseter a Oslo. Si può fare tutti i giorni.

 

VIDEO: 5 esercizi per reumatisti

Unisciti alla nostra famiglia! Iscriviti gratuitamente al nostro canale Youtube qui (Il link si apre in una nuova finestra)

«Unisciti al nostro gruppo di amici seguendoci sui social e iscrivendoti al nostro canale YouTube! Quindi hai accesso a video settimanali, post giornalieri su Facebook, programmi di esercizi professionali e conoscenze gratuite da professionisti sanitari autorizzati. Insieme siamo forti!"

 

Unisciti al nostro gruppo di supporto per reumatologia e fibromialgia e seguici attivamente nei social media

Sentiti libero di iscriverti al gruppo Facebook «Reumatismi e dolore cronico - Norvegia: ricerca e notizie» (clicca qui) per gli ultimi aggiornamenti sulla ricerca e la scrittura dei media sui disturbi reumatici e cronici. Qui i membri possono anche ottenere aiuto e supporto - a tutte le ore del giorno - attraverso lo scambio delle proprie esperienze e consigli. In caso contrario, apprezziamo molto se vuoi seguirci pagina di Facebook og Il nostro canale Youtube - e ricorda che apprezziamo commenti, condivisioni e Mi piace.

 

Sentiti libero di condividere per supportare le persone con reumatismi e dolore cronico

Ti preghiamo di condividere questo articolo sui social media o tramite il tuo blog (si prega di collegarsi direttamente all'articolo). Scambiamo anche collegamenti con siti Web pertinenti (contattaci su Facebook se desideri scambiare un collegamento con il tuo sito Web). Comprensione, conoscenza generale e maggiore concentrazione sono i primi passi verso una vita quotidiana migliore per chi ha diagnosi di dolore cronico.

 

Con gli auguri di buona salute a te e ai tuoi,

Le cliniche del dolore - Salute interdisciplinare

Clicca qui per vedere una panoramica delle nostre cliniche. Ricorda che le nostre moderne cliniche interdisciplinari sono felici di aiutarti con i tuoi disturbi a muscoli, tendini, nervi e articolazioni.

Fonti e ricerche:

1. Boomershine et al, 2015. Fibromialgia: la sindrome da sensibilità centrale prototipo. Curr Reumatolo Rev. 2015; 11 (2): 131-45.

2. Finnerup et al, 2009. Dolore centrale post-ictus: caratteristiche cliniche, fisiopatologia e gestione. Lancetta Neurol. settembre 2009; 8 (9): 857-68.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Lascia una valutazione a stelle