Ecco come la caffeina può rallentare il morbo di Parkinson

5/5 (4)

Ultimo aggiornamento il 27/12/2023 di Le cliniche del dolore - Salute interdisciplinare

Tazza di caffè e chicchi di caffè

Ecco come la caffeina può rallentare il morbo di Parkinson

Sfortunatamente, non esiste una cura per il morbo di Parkinson, ma ora i ricercatori hanno trovato una nuova notizia sotto forma di un nuovo studio in cui hanno scoperto che la caffeina può prevenire l'accumulo di una proteina associata allo sviluppo della malattia. Studi precedenti hanno dimostrato che il caffè tra le altre cose può ridurre il danno epatico. Un altro buon motivo per godersi una buona tazza di caffè appena fatto lì.

 

La malattia di Parkinson è una condizione neurologica progressiva che colpisce il sistema nervoso centrale e soprattutto l'aspetto motorio. Sintomi di Parkinson può essere tremore (specialmente alle mani e alle dita), difficoltà di movimento e problemi di linguaggio. La causa esatta della condizione è sconosciuta, ma nuovi studi sottolineano costantemente che una proteina chiamata alfa-sinucleina gioca un ruolo importante. Questa proteina può deformarsi e formare grumi di proteine ​​che chiamiamo corpi di Lewy. Questi corpi di Lewy si accumulano in una parte speciale del cervello chiamata substantia nigra, un'area del cervello che è principalmente coinvolta nel movimento e nella formazione della dopamina. Ciò porta a una riduzione della produzione di dopamina, che porta ai caratteristici problemi di movimento osservati nel Parkinson.

 

Ora, i ricercatori dell'Università del Saskatchewan College of Medicine hanno sviluppato due componenti a base di caffeina che ritengono possano fermare l'accumulo di alfa-sinucleina in quest'area.

chicchi di caffè

Protezione delle cellule che producono dopamina

La ricerca precedente si è basata e si è concentrata sulla protezione delle cellule che producono dopamina, ma come hanno affermato i ricercatori nel nuovo studio: "Aiuta solo finché ci sono effettivamente cellule rimaste da difendere". Pertanto, avevano un approccio diverso, vale a dire prevenire l'accumulo di corpi di Lewy dall'inizio. Con studi precedenti che dimostrano che la caffeina - uno stimolante centrale presente in tè, caffè e cola - ha un effetto protettivo sulle cellule della dopamina, i ricercatori hanno voluto sviluppare e identificare componenti specifici che potrebbero impedire tale accumulo delle suddette proteine. L'hanno trovato.

 

Bevi il caffè

Conclusione: due componenti specifici della caffeina possono fornire una base per il trattamento

I ricercatori hanno identificato due componenti chiamati C8-6-I e C8-6-N che mostravano entrambi la proprietà che desideravano, ovvero legarsi e impedire la deformazione della proteina alfa-sinucleina, responsabile dell'accumulo di corpi di Lewy. Lo studio conclude quindi che le loro scoperte possono fornire una base per nuovi metodi di trattamento che possono ridurre e forse - potenzialmente - arrestare il peggioramento osservato nella malattia di Parkinson. Ricerca molto entusiasmante e importante che può aumentare la qualità della vita delle persone colpite e dei loro parenti.

 

Logo Youtube piccolo- Segui Vondt.net su YOUTUBE

logo facebook piccolo- Segui Vondt.net su FACEBOOK

Foto: Wikimedia Commons 2.0, Creative Commons, Freemedicalphotos, Freestockphotos e contributi dei lettori inviati.

 

riferimenti

«Nuovi composti dimerici che legano l'α-sinucleina possono salvare la crescita cellulare in un modello di lievito che sovraesprime l'α-sinucleina. una possibile strategia di prevenzione per la malattia di Parkinson, »Jeremy Lee et al., ACS Chemical Neuroscience, doi: 10.1021/acschemneuro.6b00209, pubblicato online il 27 settembre 2016, abstract.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Lascia una valutazione a stelle

0 risposte

Lascia un commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Legg igjen en kommentar

Din e-Postadresse vil ikke bli publisert. I campi obbligatori sono contrassegnati con *